CASA APERTA IN SARDEGNA

Ho deciso di tornare in Sardegna in virtù dei miei affetti più grandi che avevo ingiustamente abbandonato a loro stessi inseguendo chimere che oggi non hanno più senso per me. La casa che ho preso in affitto a seicento metri dai miei figli è

però enorme. Ho così pensato di farne un uso, per così dire, anacronistico: visti gli assurdi tempi di chiusura che stiamo subendo, la mia casa sarà aperta all’ospitalità. Ogni ospite degno di questo nome, che vorrà condividere una giornata o più di vita e esperienze tra queste mura, lo potrà fare. Dovrà solo portare con sé la propria umanità e il proprio buon cuore. Gli basterà CONTATTARMI VIA EMAIL con un po’ d’anticipo e concordare la disponibilità per il periodo richiesto. Non c’è un prezzo: è benvenuto un libero apprezzamento a sostegno delle spese vive per i vostri giorni di permanenza. Attenzione: questa casa non è una struttura ricettiva! L’ospite viene per convivere dividendo oneri ed onori come a casa propria, in autogestione e con spirito di adattamento! L’ospitalità è un modo per scoprire l’altro, condividere, conoscere l’umanità vera e il mondo quale davvero è. Siate dunque i benvenuti!